Uniti per promuovere la Valle D’Aosta - Milano Wine Week 2022

Uniti per promuovere la Valle D’Aosta

Tre cantine, il comune Aymavilles e due varietà autoctone per accendere l’attenzione su uno dei territori vitivinicoli più piccoli d’Italia.

Un vino per promuovere la viticoltura della Valle d’Aosta e, in particolare, il comune di Aymavilles. Artefici dell’iniziativa sono le cantine Les Crêtes,Cave des Onze Communes e Didier Gerbelle che, in occasione della Vendemmia di San Martino, data con cui si chiude l’annata agraria, hanno deciso di vendemmiare assieme le uve di alcuni dei propri filari di Neret e Fumin, per creare un vino speciale da donare al comune valdostano. Un vino che sarà prodotto solo in 500 bottiglie e che Aymavilles userà nelle iniziative speciali. Grazie infatti al proprio castello e alle altre attrattive del luogo, questo piccolo centro è una città del vino, simbolo per la regione.

Le bottiglie che ne risulteranno sono anzitutto un omaggio alla viticoltura eroica valdostana, in cui un ettaro di vigneto richiede fino a 1200 ore di lavoro manuale. Un patrimonio che merita di essere conosciuto e promosso: oggi la Valle d’Aosta conta solo 600 ettari vitati contro i 3000 del passato, proprio a causa della difficoltà di coltivare queste terre, ma l’unicità dei vini che si producono sta riportando molti giovani a voler investire in questo lavoro antico, che diviene anche un importante presidio paesaggistico.

La scelta delle varietà a bacca rossa Neret e Fumin non è casuale: oltre ad essere tardive e dotate di una buccia spessa che permette lo sviluppo della botritys cinerea, la muffa nobile, sono tra le varietà valdostane più antiche.

Per poter assaggiare queste bottiglie bisognerà attendere fino al 2024, ma l’idea è che questo sia solo il primo passo verso un vero rinascimento del territorio.

Foto copertina: Cave des Onze Communes, Didier Gerbelle, Les Cretes e Sindaca Aymavilles
Crediti: Livio Piatta World Images Photo Agency 

Generated by Feedzy