La storia dei Poderi di San Pietro, i vigneti di Milano dove una volta pascolavano i mammut

Viaggio nell’azienda vinicola a San Colombano, alla periferia del capoluogo lombardo, dove la famiglia Toninelli ha trasformato la tradizione in modernità tra aperitivi in vigna e vendemmie aperte

di Mattia Giangaspero

“In pochi conoscono la storia del nostro piccolo paese, come in pochi pensano che a Milano ci siano vigneti e si produca vino. Se tu provi a dirlo a qualcuno che vive in città, tolti appassionati o intenditori, nessuno ci crede”.

Vuole iniziare così il racconto Lucrezia Toninelli, che insieme a suo fratello Edoardo e a suo padre Giuliano si occupa di agricoltura e sono i proprietari dei Poderi di San Pietro, una delle migliori aziende agricole che producono vino a San Colombano.

Il tempo qui è corso così velocemente che ci sono voluti loro, una famiglia di agricoltori, per fermarlo e raccontarne la storia: una storia che definirla Storia dell’umanità non sarebbe, poi, un grande azzardo.

In questa piccola città, a soli 30 km da Milano, cultura e vino l’hanno sempre fatta da padrone, come un po’ accade in tutt’Italia del resto. Quando chiedi all’estero di raccontare la storia del nostro Paese, ti rispondono solitamente con antica Roma, buon vino, paesaggi mozzafiato e grandi poeti. Non serve allora viaggiare per tutto il territorio nostrano, basta arrivare a San Colombano, perché qui è accaduto di tutto. Dai mammut della Pianura Padana, i primi a calpestare le terre che oggi producono il vino di Milano, agli antichi Romani, i primi produttori di vino del territorio, passando per Petrarca, turista forse per caso del luogo all’epoca abitato dai Visconti. Il poeta quando vide la collina di San Colombano con il suo Castello ne rimase incantato, al punto da descriverla, in una lettera del 1353 per Guido, Arcivescovo di Genova, come un luogo di nobilissime terre.

I Poderi di San Pietro, da quando sono nelle mani dei Toninelli, hanno vinto numerosi premi, come la Rosa d’oro alla guida AIS, i quattro tralci alla guida Viate e il bollo oro e rosso al Merano Wine award. Inoltre sono entrati sia nella classifica di Forbes 100 eccellenze 2021, sia nella guida Gambero Rosso come una delle migliori aziende agricole del territorio.

“Noi come famiglia siamo agricoltori dal 1958 e nel 1998 abbiamo preso in gestione i Poderi, realizzando il nostro sogno e quello di nostro nonno e coincidenza ha voluto che l’azienda si chiamasse proprio come lui: Pietro”, continua il racconto Lucrezia.

I Poderi di San Pietro si sono sempre voluti distinguere dalle altre aziende vinicole del territorio.

Sin dal 1998, l’obiettivo è stato quello di puntare sulla qualità, investendo in tecnologie di produzione del vino innovative per i tempi e che solo da alcuni anni sono diventate la normalità.

È una delle poche aziende del territorio dove la gestione interna va dalla vigna, alla produzione e all’imbottigliamento del vino, fino alla vendita.

“San Colombano è una zona dove il vino si è sempre fatto, anche se, 20 anni fa, era principalmente vino da tavola. Noi facemmo installare subito delle vasche termocondizionate, dove puoi controllare le varie temperature raggiunte dal vino. Inoltre, in azienda utilizzavamo già un filtro che permetteva un recupero del mosto così da ottenere, dopo la prima spremitura, il mosto fiore, che solitamente è il più pregiato e, poi, usiamo l’azoto per saturare la capacità delle vasche dove lasciamo il vino in modo che lo stesso non stia troppo a contatto con l’aria e non si ossidi”.

I Poderi di San Pietro con il passare degli anni sono sempre stati attenti anche a preservare la biodiversità delle loro terre.

“Gestiamo 60 ettari di terra, 50 per la produzione del vino, mentre i restanti 10 sono rimasti come area boschiva perché, con il bosco, volevamo anche recuperare quel poco che inquiniamo. Siamo attenti a preservare la natura del luogo. L’azienda energicamente è green al 100%, è alimentata solo con pannelli solari. Non utilizziamo pesticidi che si disperdono nell’ambiente, ma solo prodotti che vanno sulla pianta per evitare che la stessa si ammali. Inoltre, per le potature stagionali o il periodo della vendemmia, il lavoro è tutto manuale. Questa è stata una nostra scelta per utilizzare sempre meno attrezzature che inquinano l’ambiente”.

I Poderi di San Pietro non sono solamente un’eccellenza del luogo. All’interno dei loro vigneti, oltre alle vite di Lucrezia, del fratello Edoardo, del padre Giuliano e del resto della loro famiglia, c’è un altro pezzo di storia da dover raccontare.

“Era il 2000 e avevamo deciso di aprire una cantina per far sì che i vini rimanessero sempre al fresco, ma dopo solo qualche metro di terreno scavato, ci siamo ritrovati di fronte a un osso molto grande, fuori dal normale. Abbiamo chiesto alla forestale di svolgere le analisi per capire di cosa si trattasse e non potevamo crederci… Era un osso di mammut, cucciolo o adulto che fosse, ma la certezza è che si trattava di un mammut lanoso, una specie che possedeva uno strato di pelliccia molto folta per combattere il freddo della Pianura Padana. Da allora, custodiamo l’osso in una teca ed è in esposizione.

Inoltre, abbiamo realizzato anche un vino rosso, un blend tra Syrah e Merlot, in onore di questa scoperta e lo abbiamo chiamato proprio Mammut”.

Oltre al Mammut, i Poderi di San Pietro si distinguono per altre tipologie e varietà di vino. Sono 15 le etichette in produzione e si va dallo Chardonnay, al Pinot nero e grigio, fino al Cabernet.

“Abbiamo vigneti come la Barbera, l’uva rara o la verdea. La nostra strategia è quella di diversificare la produzione così da soddisfare una clientela molto vasta e questo ci permette di lavorare meglio sulle nostre riserve rendendole sempre più qualitative”.

A proposito di Storia. Non finisce qui. Ci sono altri due vini a cui la famiglia Toninelli è molto legata. Il vino rosso dei Poderi chiamato Monastero di Valbissera, un blend tra croatina, Barbera e uva rara, lasciato in affinamento per 3 anni in barriques di rovere francese, racconta la storia del Monastero di San Colombano. Si tratta di un monastero Benedettino del 1800, luogo di culto adesso abbandonato, ma ricco di affreschi e le uve per fare questo vino vengono raccolte proprio in una zona della collina molto vicina a questo monastero.

E poi c’è l’Archaan, un vino aranciato che fa macerazione sulle bucce d’uva, tolte successivamente. Il vino, un pinot grigio, prende il nome dal cavallo di Lucrezia, un cavallo sauro color mattone. Infatti, anche sull’etichetta del vino è stato disegnato un cavallo arancione.

Dalla Storia, passiamo all’innovazione dei vini targati Poderi di San Pietro.

“Abbiamo lanciato a settembre 2023 la nostra linea Milano. Si tratta di vini per tutti i giorni che proponiamo con i nomi di varie zone di Milano: Navigli, Brera, La Scala o Sforzesco. L’idea dei nomi nasce per rendere più riconoscibile il fatto che anche Milano ha i suoi vini e così speriamo di avvicinare più persone a questo mondo”.

“Come tipologie di vini futuri, invece, avremo un nuovo spumante che uscirà nel 2026, dedicato a mio papà che dirige tutta l’azienda ed è realizzato con metodo classico: vorremmo riprendere le sue iniziali e chiamarlo GT “.

L’attività dei Toninelli, però, non si conclude con la sola produzione del vino. L’interesse è sempre stato anche quello di avvicinare il consumatore a questo mondo e, per farlo, hanno iniziato a realizzare proprio durante il Covid le prime aperivigna tra le loro terre.

“Quando non si poteva andare nei bar ed era tutto chiuso, abbiamo avuto questa idea. Inizialmente siamo partiti con dei bancali e delle balle di paglia, venivano poche persone, molti amici a mangiare e bere vino. Dopo poco tempo, però, abbiamo notato come tutti fossero interessate sempre di più al nostro vigneto e alla produzione vinicola. Questo ci fa capire che anche il consumatore è cambiato: quando sai cosa c’è nel bicchiere ti senti più tranquillo.

Nel giro di pochi mesi, l’idea è diventata un trend di tutto il territorio e adesso non siamo più gli unici a fare gli eventi, ma noi siamo rimasti legati alla nostra idea iniziale. A settembre, poi, organizziamo una piccola vendemmia per il pubblico. Chi viene da noi può direttamente raccogliere l’uva e portarsela a casa. Durante questa esperienza, spieghiamo che tipo di uva è stata raccolta e come viene coltivato il terreno. In inverno, invece, si può visitare la cantina, fare una degustazione guidata e capire le differenze tra le varie tipologie di vino.”

I Poderi di San Pietro sono un connubio tra la storia e la tradizione del luogo, ma allo stesso tempo l’obiettivo della famiglia, come si evince dal racconto di Lucrezia, è quello di non rimanere attaccati al passato, ma evolversi venendo incontro alle esigenze del consumatore. Questo messaggio lo si coglie in diversi momenti del racconto. Dai macchinari super tecnologici, poi divenuti oggi la normalità passando per l’aperivigna, i primi della zona, ma adesso non più gli unici. Emerge la convinzione di non voler cambiare per i trend, ma di essere sempre se stessi dando valore al proprio prodotto; quello che cambia, invece, è solo il modo di avvicinarsi al consumatore.

In futuro Lucrezia ed Edoardo, la terza generazione dei Poderi di San Pietro, hanno due sogni da realizzare.

“Vorremmo farci conoscere più all’estero. Abbiamo in programma tante fiere. A luglio andiamo a Monaco di Baviera per un’esposizione dove partecipano solo 40 aziende italiane e noi siamo stati selezionati grazie ai vari premi che abbiamo vinto negli anni precedenti. Il secondo sogno è quello di realizzare un nostro shop direttamente in città, a Milano, oltre che continuare con le nostre aperivigna durante l’estate o con altri eventi più invernali”.

Mattia Giangaspero

Giornalista professionista che parla di ambiente calcio e sostenibilità alimentare. Ha
conseguito la laurea in Linguaggi dei Media e il Master di Giornalismo a Stampa, radiotelevisivo e multimediale presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Newsletter Consumer

Newsletter B2B

Tre Stelle

DAL PESCATORE***
Runate – Mantova

PIAZZA DUOMO*** 
Alba – Cuneo

DA VITTORIO *** 
Brusaporto – Bergamo

VILLA CRESPI*** 
Orta San Giulio – Novara

Due Stelle

HARRY’S PICCOLO**
Trieste

D’O**
Cornaredo – Milano

CASTEL FINEDINING RESTAURANT**
Dorf Tirolo – Merano – Bolzano


Una Stella

PIAZZETTA MILÚ*
Castellammare di Stabia – Napoli

LUX LUCIS RISTORANTE*
Forte dei Marmi – Lucca

VILLA MAIELLA*
Guardiagrele – Chieti

RISTORANTE CRACCO IN GALLERIA*
Milano

RISTORANTE IL GALLO CEDRONE*
Madonna di Campiglio – Trento

DEL CAMBIO*
Torino

IL DESCO*
Verona

DUE COLOMBE*
Borgonato – Brescia

RISTORANTE BORGO SAN JACOPO*
Firenze

MATERIAPRIMA*
Pontinia – Latina

 
Ristorante etnici – Fusion

BA RESTAURANT
Milano

NOBU
Milano

MOI OMAKASE
Prato



Fine Dining

FOCOLARE
Livigno – Sondrio

AL MALÓ CUCINA E MISCELAZIONE
Rovato – Brescia

ENOTECA BRUNI
Firenze

A_GRILLO RESTAURANT & WINE
Imperia

RISTORANTE UMBERTO A MARE
Forio – Napoli

RISTORANTE BILACUS
Bellagio – Como

QUELLENHOF GOURMETSTUBE 1897
San Martino – Bolzano

SENSO LAKE GARDA BY ALFIO GHEZZI 
Limone Sul Garda – Brescia

RISTORANTE DEL LAGO
Bagno di Romagna – Forlì-Cesena

BLEND 4
Azzate – Varese

Osterie – Trattorie

TRATTORIA DI CORONATE
Morimondo – Milano

TRATTORIA VISCONTI
Ambivere – Bergamo

LO STUZZICHINO
Massa Lubrense – Napoli

ABRAXAS OSTERIA
Pozzuoli – Napoli

RISTORANTE CONSORZIO
Torino

TRATTORIA FALCONI
Ponteranica – Bergamo

TRATTORIA SERENELLA LE TRE LASAGNE
Vignale Monferrato – Alessandria

TRATTORIA DI CAMPAGNA
Sarre – Aosta

LA SALA DEL VINO
Milano

CANTINA PIEMONTESE
Milano

 

Bistrot

ENOTECA MALANDRINA
Valeggio Sul Mincio – Verona

LA PIOLA
Alba – Cuneo 

EL MOLIN BISTROT
Cavalese – Trento

EST ENOSTERIA SOCIALE
Milano 

LUCIANO CUCINA ITALIANA 
Roma

BLOW UP ENOTECA & CAFÈ BISTROT
Lainate – Milano

RISTORANTE CAFFÈ DELL’ORO
Firenze

FABBRICA ENOTECA RISTORANTE
Vibo Valentia

#PERMEEUGUALE BY FOOD FIGHT CLUB
Bologna

DAL ZOVO CANTINA & BISTROT
Verona

 

Wine bar

ENOTECA BALDI
Panzano in Chianti – Firenze

TAVERNA DEL GUSTO
Piacenza

IL  WINE BAR TRIMANI
Roma

VINIAMO ENOLAB FOLIGNO
Foligno – Perugia

DI SOTTO WINE BAR
Rende – Cosenza

ENOTECA ASSETATI
Asti

FLOR
Milano

BRYLLA 
Milano

ENOTECA QUATTRORUOTE
Montalto di Castro – Viterbo

ANTICO CAFFÈ
Calestano – Parma

 

Ristorante di Hotel

HOTEL PLAN DE GRALBA
Selva di Val Gardena – Bolzano

RISTORANTE BORGO ANTICO VILLA QUARANTA
Pescantina – Verona

FIOCCO DI NEVE RELAIS E SPA 
Limone Piemonte – Cuneo

ALDENTE RESTAURANT
Aosta

RISTORANTE SAINT HUBERTUS RESORT
Breuil-Cervinia

RESORT NANDO AL PALLONE
Vitorchiano – Viterbo

CYPRIANERHOF DOLOMIT RESORT
Tires – Bolzano

RISTORANTE “LE JARDIN DE RUSSIE”  PRESSO HOTEL DE RUSSIE
Roma

THERASIA RESORT SEA & SPA
Isola di Vulcano – Messina

RELAIS & CHÂTEAUX CASTEL FRAGSBURG 
Merano – Bolzano

 

Pizzeria

LA PIEDIGROTTA VARESE
Varese

TRAPIZZINO
Roma

QUATTRO GATTI
Verdello – Bergamo

BOLLE PIZZERIA IN CANTINA
Monza

IL CORSO BOLZANO – PIZZERIA CONTEMPORANEA
Bolzano

DA EZIO
Alano di Piave – Belluno

VICO PIZZA & WINE
Roma

PIZZERIA GALILEO GALILEI
Trani – Barletta-Andria-Trani

S’OSTERIA 38
Acquapendente -Viterbo


Enoteca

PECK
Milano

 

Distribuzione

PELLEGRINI S.P.A.

 
Wine Shop online

VINO.COM

 

Catena di ristorazione

EATALY SMERALDO
Italia

BEST ITALIAN WINE SELECTION

RPM RESTAURANT 
Las Vegas, USA

ENOTECA RIVIERA 
Zurigo, Svizzera

DIVINO
Bangkok, Thailandia,

8 ½ OTTO E MEZZO BOMBANA
Hong Kong

IL FIORINO
New York, USA

PARK CHINOIS
Londra, Inghilterra

VINERIA DEL PONTE 
Lubiana, Slovenia

HAY WINES  
Londra, Inghilterra


PREMI SPECIALI

 

PREMIO SPECIALE PROSECCO DOC MIGLIOR SOMMELIER DELL’ANNO 2023

MARCO REITANO
LA PERGOLA*** ROME CAVALIERI – A WALDORF ASTORIA HOTEL, ROMA

 

PREMIO SPECIALE FRECCIANERA ALLA MIGLIOR CARTA DEI VINI SELEZIONE BOLLICINE

ALBERTO TASINATO
RISTORANTE L’ALCHIMIA* MILANO

 

PREMIO SPECIALE VENDEMMIE “MIGLIOR SOMMELIER UNDER 30 2023”

JESSICA ROCCHI
Ristorante Andrea Aprea* Milano

 

PREMIO SPECIALE ALLA CARRIERA “ECCELLENZA ITALIANA”

DAVIDE RAMPELLO
Direttore Artistico e Manager Culturale

 

PREMIO SPECIALE CARREFOUR – ANNATA 2.0: UN NUOVO LINGUAGGIO DEL VINO

Zonin 1821

 

PREMIO SPECIALE VENDEMMIE “INNOVAZIONE E CONTEMPORANEITÀ”

WINESTORE – BOLZANO



Tre Stelle

Piazza Duomo
Le Calandre
Enoteca Pinchiorri


Due Stelle

La Peca
Castel Finedining Restaurant
D.O


Una Stella

D.One Ristorante Diffuso
Borgo San Jacopo
Romano
Ristorante La Bandiera
Piazzetta Milu’
Inkiostro
Aminta Resort
Per Me – Giulio Terrinoni
Osteria Di Passignano
Villa Maiella


Fine Dining

Blend4
Osteria Le Logge
Ristorante Opera Torino
La Bullona
Summit Restaurant
Enoteca Bruni
Langosteria
Senso Lake Garda
Cucine Nervi
Immorale
La Bottega Di Parigi


Osterie – Trattorie

Ciz Cantina E Cucina
Osteria Dal Cinon
Caffe’ La Crepa
Il Santo Bevitore
Trattoria Falconi
Fattoria Conca D’oro
Locanda Belvedere
Osteria La Coniglio Bianco
Osteria A Porto D’oglio


Bistrot

Villa Garassino
3k Wine
142 Restaurant
Caffe! Dante
Franceschetta 58
Biosserì
Al Carroponte
El Molin
Mix Bistrot


Wine bar

Dal Zovo
Brylla
Enoteca Baldi
Tannico Wine Bar
Vineria Portofranco
Antico Caffe
Helena Wine Boutique
Disotto Winebar
Sala Del Vino
Il Wine Bar Trimani
Le Volpi E L’uva


Ristorante di Hotel

Capofaro Locanda E Malvasia
Baita Fraina
Ristorante Posta Marcucci
Ristorante Borgo Antico
Antica Dimora Del Gruccione
Agriturismo Ferdy
Engel Gourmet
Therasia Resort


Pizzeria

Grigoris
Sant’isidoro


Ristorante etnici – Fusion

L’angelo Cucina Fusion
Ba Restaurant
Cinta Rasa
Nojo
Serendepico
Moi Omakase
Bad Schörgau

Enoteca

Taverne Del Gusto
Vinoteca Al Chianti
Enoteca Decantami
Roscioli

Distribuzione

Partesa
Pellegrini
Le Caves Des Pyrenne


Supermercati

Esselunga
Iper (Rozzano)


Wine Shop online

Tannico
3kwine


Catena di ristorazione

Signorvino
Trapizzino

Tre Stelle

St. Hubertus
Enoteca Pinchiorri


Due Stelle

Ristorante Caino
Ristorante Il Pagliaccio
Dani’ Maison
Harry’s Piccolo
Antica osteria Da Cera
La Madernassa Ristorante & Resort
La Trota
Terra
Castel Fine Dining Restaurant


Una Stella

Del Cambio
Trattoria al Cacciatore de La Subida
Re Maurì
La Bandiera
La Caravella dal 1959 Ristorante-Museo
Hyle
Apostelstube
Piazzetta Milù
Ristorante Il Pellicano


Fine Dining

Langosteria
Le Petit Bellevue e il ristorante Bellevue con la sua terrazza
Ristorante Andrea Aprea
Ristorante del Lago
Wood
Blend4
Enoteca Bruni
Ristorante 3K
Rinaldi al Quirinale
Ristorante Miil


Osterie – Trattorie

Enoteca Marcucci
Abraxas Osteria
Trattoria di Coronate
Trattoria di Campagna
Ciz Cantina e Cucina
Civico 25
Trattoria Serenella Le Tre Lasagne
La Brinca
Enoteca della Valpolicella
Trattoria Falconi


Bistrot

Al Carroponte
Luogo Divino Wine Bistrot
Franceschetta 58
Luciano Cucina Italiana
El Molin Bistrot
Taverna dal Conte
uovodiseppia Milano
Cucina.Eat
Mix Bistrot
Caffè dell’Oro


Wine bar

Enoteca Baldi
Taverna Del Gusto
La Sala Del Vino
Enoteca Quattroruote
Antico caffè
Onest
Di sotto Wine Bar
Helena
Il Wine Bar Trimani
Cafè Demetz


Ristorante di Hotel

Ristorante L’Angolo D’Abruzzo
Therasia Resort Sea & Spa
Fiocco di Neve Relais & Spa
AO Restaurant
Santre Dolomyths Home
Winkler Hotels
Hotel Quelle
Pineta Nature Resort
Hotel Plan de Gralba
Hotel la Perla


Pizzeria

Pizzeria Salvo
Trapizzino La Vineria
Il Casaletto Agripizzeria
Da Ezio
Enosteria Lipen
Apogeo
Vurria
Il Corso
Ristorante Pizzeria dell’Angolo


Ristorante etnici – Fusion

Moi Omakase
Mu Dim Sum
Gong Oriental Attitude
Ristorante Serendepico
Cinta Rasa
Ba Restaurant
Bentoteca Milano

 


Enoteca

Vinoteca al Chianti


Distribuzione

Pellegrini


Wine Shop online

3K Wine


Catena di ristorazione

Trapizzino