Al vaglio nuovi vitigni per i vini della Provenza - Milano Wine Week 2022

Al vaglio nuovi vitigni per i vini della Provenza

La regione francese famosa per i suoi rosé sta valutando l’inserimento di altre uve nei disciplinari . I tentativi per contrastare gli effetti del cambiamento climatico in vigna.

I viticoltori della Provenza si sono riuniti la scorsa settimana nella città di Arcs sur Argens, nel Var, per discutere la sperimentazione di nuovi vitigni nella regione. Le prove fanno parte di un tentativo di contrastare gli effetti del cambiamento climatico in vigna attraverso uve resistenti alla siccità e alle malattie, sia autoctone che straniere.

Secondo il sito di notizie dedicate al vino Vitisphere.com, le prove hanno riguardato i classici Grenache e Cinsault , sette varietà straniere (Calabrese, Agiorgitiko , Tempranillo , Touriga Nacional , Pinotage , Zinfandel e Mavrud), 12 varietà locali (Mourvaison, Téoulier, Carignan Blanc, Grenache Blanc, Grenache Gris, Barbaroux, Clairette Rosée, Plant Droit, Colombaud, Counoise, Brun Fourca e Rousseli), due nuove aggiunte (Mourvèdre Blanc e Mourvèdre Gris), 25 ibridi della Francia meridionale e 13 cloni di Cinsaut.

Molte delle uve sono ammesse nel registro regionale della denominazione Côtes de Provence come Agiorgitiko, Calabrese, Moschofilero, Verdejo e Xinomavro, seppur previa autorizzazione delle autorità regionali.

Date le ondate di caldo e le condizioni di siccità osservate in gran parte della Francia quest’anno, molti dei risultati hanno riguardato la resistenza alla siccità. L’uva Calabrese, ad esempio, secondo quanto riferito, se l’è cavata bene, nonostante condizioni calde e secche prolungate e tre casi di temperature superiori a 40 ° C.

Anche Rousseli, noto anche come Rosé du Var, ha reagito in maniera ottimale, nonostante i suoi alti livelli alcolici e spesso bassi livelli di acidità. La varietà era stata eliminata dall’elenco ufficiale delle uve consentite nella regione nel 1986.

“Gli studi hanno dimostrato che si è ben adattato ai cambiamenti climatici – ha affermato Clémence Boutfol, consigliere viticolo regionale della varietà – ed è giusto in questo caso aprire la strada alla reiscrizione di un clone nel catalogo ufficiale dei vitigni e al suo reinserimento come vitigno accessorio nella denominazione”.

Anche il Mourvèdre Blanc e il Mourvèdre Gris, entrambi derivati da mutazioni spontanee (naturali) della varietà del rosso Mourvèdre nella Côtes du Rhône, mostrano risultati promettenti. Aïssatou Diedhiou (anche lui consulente viticolo locale) ha dichiarato che le varietà sarebbero state proposte nel catalogo ufficiale delle uve da vino consentite.

Generated by Feedzy